Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

infermieri universitaGrosseto, 29 settembre 2023
Comunicato stampa

Trend negativo anche in Maremma, in linea con la tendenza nazionale. Draoli, Opi Grosseto: “Calo preoccupante; dobbiamo invertire la tendenza attraverso maggiori riconoscimenti sia economici sia di carriera clinica"

“Anche la nostra provincia, basandosi sulle graduatorie pubblicate dall’Università degli studi di Siena, segue purtroppo il trend negativo nazionale di domande sui posti a bando di infermieristica”. E’ questo il commento di Nicola Draoli, presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche di Grosseto, ai numeri sull’andamento negli ultimi anni delle domande per il corso di laurea in infermieristica. Un trend in calo, che segue purtroppo l’andamento nazionale.

“Basti pensare – continua Draoli – che nell’anno accademico 2020/21 le domande sono state 393, per poi calare l’anno successivo a 365 e addirittura a 346 nel 2022/23, fino ad arrivare a quelle attuali che sono purtroppo 243. Nonostante questo, i posti messi a bando sono tutti coperti, chiaramente, ma quello che è più preoccupante è il trend negativo sempre più in crescita negli ultimi anni, così come si sta verificando nella maggior parte d’Italia. Se le cose non cambieranno rischiamo, da una parte, di non coprire nemmeno i posti messi a bando, e dall’altra di non poter fare nessun tipo di selezione. Selezione che, invece, rappresenta un indice qualitativo importante di cui l’Ordine deve tenere conto”.

Da elogiare gli sforzi che l'università, il Polo didattico grossetano, insieme agli enti locali, sta facendo per cercare di incentivare i corsi di infermieristica; come ad esempio l’istituzione di 15 borse di studio, del valore di 1000 euro l’una, che il Comune di Grosseto insieme alla Fondazione Polo universitario grossetano ha messo a disposizione per i neodiplomati intenzionati a seguire i corsi dell’Università di Siena che si tengono nelle sede grossetana. Nonostante questo, però, la situazione rimane al momento preoccupante. “Soprattutto perché ci aspetta una lunga stagione assistenziale – commenta Draoli - ed tutto il Paese non avrà professionisti in grado di garantire i diritti anche civili di ognuno di noi”.

“La professione infermieristica, come abbiamo avuto modo di ribadire più volte, è una professione bellissima e di grande visibilità ma per essere scelta da più giovani ha bisogno di una prospettiva economica e di carriera certa, attraverso politiche nazionali e regionali su percorsi di sviluppo delle competenze e con un ritorno economico graduato sulla base di specializzazioni riconosciute. Cercare di invertire la tendenza negativa – conclude Draoli - non ha a che fare con gli infermieri, ma con la tenuta di un Servizio sanitario nazionale che possa garantire la salute di una nazione che sta precipitando velocemente verso un inverno demografico ineluttabile”.

 

 

Servizi On Line

banner amministrazione trasparente

banner amministrazione trasparente

PAGAMENTO QUOTA

banner amministrazione trasparente

Comitato Asilo Nido Aziendale

PEC

 

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

banner responsabilita sanitaria v2

Accesso portale

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

Tesi di Laurea

tesi

BANCA DATI ARS

nuova banca dati final1

Uni Logo

badante

Cerco Offro Lavoro

castorina home

Uni Logo

grosseto si vaccina perché

paroladiinfermieresigla

 PosizionamentiInterventi Progetti OPI GR

infermieri informa OPI

Campagne Mediatiche

hoscelto2024 1