Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

PECGentili colleghi,

Ci state segnalando alcuni episodi legati alla PEC gratuita che avete con L'Ordine di Grosseto per i quali riteniamo doveroso fare alcune precisazioni e darvi alcuni consigli.

In sostanza qualcuno di voi ha ricevuto sulla PEC delle sanzioni amministrative (multe stradali etc) che ha visto con mesi e mesi di ritardo non controllando la casella mail e che si sono aggravate degli interessi di mora. Occorre precisare quindi quanto segue:

Allo stato attuale, c'è un'obbligo di legge per i professionisti  di dotarsi di un livello di posta elettronica certificata (PEC)Decreto Legislativo 185/2008 convertito in Legge 2/2009  (esiste cioè da dieci anni!)

Ma non solo: Il decreto-legge 193/2016 ha stabilito che dal 1° luglio 2017 i professionisti riceveranno le comunicazioni dell'Agenzia delle Entrate direttamente tramite l'indirizzo PEC presente sul sito INI-PEC, ovvero l'indice nazionale degli indirizzi di posta elettronica certificata di professionisti e imprese. INI-PEC è il portale ufficiale in cui gli utenti, siano essi cittadini, imprese, professionisti, pubbliche amministrazioni, ecc.. possono ricercare in maniera semplice e trasparente l'indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) di un operatore economico, di un'impresa o di un professionista.  (https://www.inipec.gov.it/ordini-e-collegi/cerca-pec-ordini.)

Avere la PEC è quindi un obbligo che noi, come Ordine, offriamo gratuitamente a chi ci fa richiesta fino ad esaurimento (abbiamo cioè dei pacchetti  che si rinnovano via via in base al numero di richieste, iscrizioni e cancellazioni, quindi non sempre sono disponibili PEC in tempi immediati).  L'Offerta dell'Ordine è di natura libera. E' un servizio che offriamo come tanti altri (corsi, convenzioni, supporto cogeaps etc etc). Il problema è che ancora oggi, ma non vale solo per gli infermieri, non utilizziamo la PEC né conosciamo bene le sue fianalità e così ci dimentichiamo per mesi di controllarla e poi incappiamo in spiacevoli episodi come quelli che hanno richiesto la necessità di questo approfondimento.

Un breve elenco di ciò per cui viene utilizzata la PEC:

scambio di documenti legali riguardanti l'attività lavorativa;

comunicazioni con INPS o INAIL;

ricezione di comunicazioni ufficiali;

gestione delle iscrizioni a concorsi pubblici, scuole, università e ordini professionali;

partecipazione alle gare d'appalto per professionisti e imprese;

accesso a servizi pubblici (es.: cambio di residenza);

inoltro di contestazioni di illeciti e rilascio di certificati.

Come vedete è in realtà molto utile per molte attvità a prescindere dall'obbligatorietà. Non siamo noi i gestori ma infocert legalmail. Come per qualsiasi altra mail che utilizzate andando sul sito del gestore (https://www.legalmail.it/accesso.php) e sulla casella potete impostare le ricezioni, implementare le funzioni (anche se qualcuno è a pagamento), scaricare la versione mobile per lo smart phone e tutto quello che in genere già fate con la vostra posta elettronica normale. 

Noi come segreteria possiamo forzare lo sblocco delle password se le avete dimenticate e se la procedura automatica non funziona o lo avete bloccata sbagliando più di tre volte di fila. dal 1° di agosto però sono cambiate le procedure e non ci è più possibile fare come prima la forzatura della password. Adesso 
necessitiamo che il titolare della casella compili e sottoscriva un  modello appositamente predisposto dalla Infocert, allegando copia  documento d'identità ed indicando ben scritta la email ordinaria su cui  faranno arrivare il link automatico per lo sblocco. (contattare quindi per questa evenienza Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

la vostra vecchia PEC era Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ma è stata automaticamente trasformata in Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo._opi.it. Anche di questo è stata data comunicazione ma, in ogni modo, si accede ancora con entrambi gli user. 

Chiudendo: controllate con regolarità  la vostra PEC! Se non volete la PEC dell'Ordine gratuita chiedetene disdetta SAPENDO che ai sensi di legge dovete comunque aprirne un'altra. la PEC dell'Ordine, lo ripetiamo, è un servizio GRATUITO che offriamo a chi lo chiede o lo ha chiesto e non è e non è mai stata un imposizione. Non sta a noi giudicare una legge giusta o sbagliata ma (come con l'assicurazione per colpa grave) diamo i supporti gratuiti o a convenzione per mettervi in regola con la legge stessa.  Sta poi a tutti, da professionisti, conoscere gli strumenti che abbiamo e le leggi che regolano la professione.

Rimaniamo a disposizione per ogni chiarimento. Un caro saluto 

Nicola Draoli

banner amministrazione trasparente

Immagine_Attenzione

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

banner responsabilita sanitaria v2

Accesso portale

logo innovare per migliorarsi

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

castorina home

Pratiche Inappropriate

slow medicine

Tesi di Laurea

tesi

Network Bibliotecario SSR

FB IMG 1523555340835

Anagrafe e Formazione "Badanti"

badante

Uni Logo

infermieri informa OPI

Campagne Mediatiche

Garantire la tua salute