Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

noi con gli infermieri

 

 

 

 

rsaDi seguito le richieste OPI Toscana
Al Governatore Enrico Rossi
All’assessore al Diritto alla Salute Stefania Saccardi
Al Presidente della Commissione Sanità Stefano Scaramelli
Al Responsabile di settore Politiche per l’integrazione socio-sanitaria Barbara Trambusti
e agli organi di stampa. 
Un breve documento con le analisi NON NUOVE degli Ordini che ha già trovato apertura istituzionale.
 
Dopo il commissariamento di decine di RSA Toscane è giunta adesso l’ora di dare applicazione di quanto gli Ordini delle Professioni infermieristiche della Toscana chiedono da anni formalmente.
E’ necessario rivedere immediatamente i criteri di accreditamento regionali per le RSA a partire dal DPGR_15R_2008 riconoscendo da subito elementi qualitativi professionali per incidere su processi ed esiti di cura, protezione e sorveglianza.
E’ opportuno che la figura assistenziale di base sia un Operatore Socio Sanitario, eliminando una volta per tutte corsi professionalizzanti che il sistema pubblico sanitario non accoglie più da anni a differenza delle RSA come ADB, OTA e OSA.
Obbligo di un coordinamento professionale infermieristico adeguato alla L 43/2006 con almeno un master di primo livello in funzioni di coordinamento ed una dirigenza di natura sanitaria , e non di una generica dirigenza con una nebulosa esperienza gestionale come descritto dalla norma che lascia alla discrezionalità e alla fantasia delle singole strutture il delicato comando strategico professionale.
Definire in modo più chiaro e netto che la formazione continua dei professionisti è in capo alla struttura che ha il dovere e l’obbligo di formare i suoi dipendenti coerentemente al contesto socio assistenziale della struttura in particolar modo nei moduli assistenziali più complessi. La formazione degli operatori è un elemento cardine nel quale la maggior parte delle RSA non ha mai investito e sul quale le commissioni di vigilanza non hanno strumenti di impatto.
Modificare il mero calcolo del minutaggio per passare ad un coefficiente operatore/paziente modulato sulla complessità assistenzile per garantire un adeguato rapporto infermieri-OSS/Pazienti che permetta una vera assistenza personalizzata.
Rendere obbligatoria la presenza di un infermiere esperto nelle commisioni di vigilanza.
Sono pochi e semplici passaggi che chiediamo da anni per ribaltare una volta per tutte il sistema di monitoraggio ed accreditamento fino ad oggi eccessivamente centrato sui settori dei dipartimenti tecnici sicuramente importanti ma, come abbiamo visto alla prova dei fatti, del tutto secondari rispetto agli elementi professionali.
È il momento di rendere le RSA strutture con un elevato standard qualitativo professionale, con sistemi di controllo pubblico orientati in tal senso. Chiediamo l'immediata apertura di un tavolo di confronto istituzionale per cambiare ora e per sempre questo cruciale e fondamentale spaccato della nostra salute.
 
Firmato dai Presidenti OPI Toscana

banner amministrazione trasparente

PAGAMENTO QUOTA

banner amministrazione trasparente

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

banner responsabilita sanitaria v2

Accesso portale

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

castorina home

Pratiche Inappropriate

slow medicine

Tesi di Laurea

tesi

BANCA DATI ARS

nuova banca dati final1

Uni Logo

badante

 PosizionamentiInterventi Progetti OPI GR

infermieri informa OPI

Campagne Mediatiche

Garantire la tua salute