Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

noi con gli infermieri

 

noi con gli infermieri

 

 

 

 

mascherinaVi trasmettiamo il comunicato stampa integrale che abbiamo rilasciato al Tirreno e riportato nell'edizione odierna sul rischio di mancato approvvigionamento DPI e la richiesta di maggiore tutele in questo senso. Al contempo sottolineamo ancora il consiglio di far passare ogni criticità da questo Ordine per un opportuno confronto pari professionale nel vostro interesse e nell'interesse di un messaggio univoco per e con la popolazione. 

 

L'ordine degli infermieri di Grosseto esprime profonda preoccupazione per l'approvvigionamento dei DPI (Disposizione Protezione Individuali). È sotto gli occhi di tutti come anche riportano le cronache, la mole
di lavoro e i rischi che la nostra categoria professionale sta affrontando ogni giorno a testa alta e nella piena consapevolezza dei suoi doveri e del valore della sua professione.
Ma deve essere altrettanto chiaro  che le istituzioni, proprio con l’infittirsi degli interventi, devono provvedere prima di tutto a maggiori garanzie di presidi di protezione dal virus per ‘gli operatori della sanità pubblica’ di cui però anche il Dpcm non parla in modo esplicito e che invece sappiamo essere uno degli aspetti più critici di questa situazione.
Anche nella nostra Azienda molti colleghi ci raccontano della fatica di entrare in possesso di adeguati dispositivi di protezione. Se ad oggi riscontriamo che, seppur con fatica, si riesce comunque a dare un
risposta minima siamo estremamente preoccupati di un picco che ci aspettiamo possa arrivare da un momento all'altro. Se arriverà temiamo che i DPI non siano prontamente disponibili per tutti. E' una
situazione che non deve accadere. Capiamo le enormi difficoltà di produzione e consegna, ne siamo consapevoli. Deve essere fatto uno sforzo in più però per non farci trovare impreparati domani. Nelle altre regioni sappiamo che il 15% dei positivi sono infermieri e altri operatori sanitari. Oggi non abbiamo questi dati ma non possiamo averli nemmeno domani.
E non si deve dimenticare che il decreto sospende i congedi ordinari del personale sanitario e tecnico (gli operatori sociosanitari) e del personale le cui attività siano necessarie a gestire le attività richieste dalle unità di crisi costituite a livello regionale, un’occasione in più di stress, anche se già oggi per garantire
assistenza nessun infermiere si è mai tirato indietro.
Ma ci sono altri problemi che rischiano di emergere. Il divieto agli accompagnatori dei pazienti di restare nelle sale di attesa dei dipartimenti emergenze e accettazione e dei pronto soccorso (salvo specifiche diverse indicazioni del personale sanitario) e la limitazione dell’accesso di parenti e visitatori a strutture di
ospitalità e lungo degenza, residenze sanitarie assistite, hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, solo a casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura per prevenire possibili trasmissioni di infezione, potrebbero essere un motivo in più per scatenare in molti casi la violenza contro gli operatori sanitari, ancora una volta infermieri in testa.
In tutto questo chiediamo di non farsi trovare impreparati. L'Ordine sta supportando per quanto possibile ogni messaggio positivo e di comunicazione coordinata ma chiede massima sicurezza per tutti gli infermieri e operatori sanitari e si mette a disposizione per qualsiasi cosa.
Rilancia inoltre a tutti il messaggio #restateacasa. Aiutateci ad aiutarvi. BASTA assembramenti come quelli visti in Via Giotto fino a ieri. BASTA.

banner amministrazione trasparente

PAGAMENTO QUOTA

banner amministrazione trasparente

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

banner responsabilita sanitaria v2

Accesso portale

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

castorina home

Pratiche Inappropriate

slow medicine

Tesi di Laurea

tesi

Network Bibliotecario SSR

FB IMG 1523555340835

Anagrafe e Formazione "Badanti"

badante

Uni Logo

infermieri informa OPI

Campagne Mediatiche

Garantire la tua salute