Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

sole24oreIl nostro modus operandi sui processi comunicativi funziona così: Le news di rilievo per il solo ambito provinciale vengono pubblicate sul sito, altre news più "informative", di contorno e che esulano dagli ambiti prettamente provinciali sulla pagina facebook che vi consigliamo di seguire. Con questo editoriale facciamo un eccezione. Un analisi semplice, ben costruita, autorevole, e di assolutà verità e buon senso. Lettura completa al link http://www.econopoly.ilsole24ore.com/2017/10/16/sanita-salute-dieci-scelte-necessarie/?uuid=96_hxGBP9AA

Questi i dieci punti che sottoscriviamo con forza:

 

"Siamo di fronte a scelte che con coraggio si pongano l’obbiettivo di chiarire cosa è il Sistema Sanitario Nazionale. Innanzitutto bisogna dire la verità agli Italiani e smetterla di nascondere i fatti. Molto probabilmente va cambiato il modello. Qui elenco una serie di azioni, largamente note e condivise dai tecnici, ma che ovviamente impattano con molti interessi e quindi non vengono portate avanti con la necessaria determinazione:

  • Empowerment degli infermieri per suddividere maggiormente il lavoro con i medici rispetto a quanto viene fatto oggi
  • Moderazione nella spesa sul fine-vita lavorando invece sulla qualità di vita di quel momento
  • De-medicalizzazione di molti aspetti della vita che sono considerate oggi patologie da dover essere trattate in modo aggressivo
  • Spostamento massiccio dagli ospedali e RSA al domicilio delle persone dei servizi
  • Aumento della spesa e dell’attenzione verso “l’allenamento a stare in salute” prendendo risorse dalla cura delle patologie (Dobbiamo non fare ammalare le persone e non semplicemente curarle quando si ammalano)
  • Da una medicina reattiva (ci sono quando ti ammali e mi chiami) ad una medicina proattiva (ti chiamo per costruire con te le condizioni che non ti faranno ammalare). I Dati oggi a nostra disposizione permetterebbero un lavoro fantastico in tal senso
  • Un taglio pesante ai medicinali di marca andando verso i generici
  • Una razionalizzazione dei medicinali coperti dal SSN in modo da lasciare quelli che sappiamo sono i migliori rispetto ai problemi che trattano
  • Un sistema di pagamento degli erogatori che allinei gli interessi economici e di salute dei pazienti. Ovvero all’erogatore deve interessare essere il meno interventista possibile e prevenire la malattia. Questo significa una remunerazione per-capita e non a prestazione
  • Una concentrazione delle risorse in centri di eccellenza che facciano grandi volumi e abbiano i migliori professionisti rispetto ad una distribuzione di ospedali che non hanno nessun senso clinico come quella di oggi (su questo tema si è già fatto tanto comunque, ma non siamo ancora arrivati dove si potrebbe)

In una frase: dipende tutto dalla volontà politica di mettere mano al sistema."

 

banner amministrazione trasparente

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

Accesso portale

logo innovare per migliorarsi

Logo salviamo SSN sito 200

Questione inf.ca in Toscana

Manifesto OPI Toscana SI e NO

castorina home

Pratiche Inappropriate

slow medicine

Tesi di Laurea

tesi

Network Bibliotecario Sanitario Toscano

FB IMG 1523555340835

Anagrafe e Formazione "Badanti"

badante

infermieri informa OPI

Senzainfermieripiedino1