Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

rispetta chi ti aiutaGrosseto, martedì 22 marzo 2022
Comunicato stampa
 
L’episodio a pochi giorni dal 12 marzo, Giornata nazionale contro la violenza ai danni degli operatori sanitaria. Draoli e Pasqualini esprimono una ferma condanna per quanto accaduto ieri a Grosseto e ricordano come sia necessario promuovere, ogni giorno, una cultura del rispetto 
 
A pochi giorni dalla celebrazione della prima giornata contro la violenza ai danni degli operatori sanitari, del 12 marzo scorso, arriva la notizia di un’ennesima aggressione rivolta a un medico del 118. “Un fatto, quello riportato anche dalla stampa locale – commenta Nicola Draoli, presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche di Grosseto – che dimostra come il problema delle aggressioni al personale sanitario sia diffuso e frequente; e la violenza non è solo quella più manifesta, resa evidente da gesti concreti e parole pesanti, ma a volte anche quella insista nella scortesia e nella mancanza di fiducia e rispetto. Elementi che non permettono a chi lavora di farlo serenamente e che penalizza, quindi, l’intero sistema dei servizi alla collettività”. Un episodio molto grave, che sarà verificato dalla Magistratura, e che è costato alla professionista aggredita anche un infortunio serio. 
“L’Ordine dei medici condanna fermamente la violenza occorsa ieri verso il medico del 118, mentre stava svolgendo il suo lavoro di soccorso su un’emergenza- dichiara Paola Pasqualini, presidente dell’Omceo di Grosseto -. Questo a dimostrazione che, purtroppo, non basta una giornata per sensibilizzare le persone e provocare un cambiamento culturale. Per farlo, infatti, occorre un lavoro costante e un impegno da parte di tutti, sanitari e cittadini. È inaccettabile e sconfortate che ogni giorno si debba ricordare di portare rispetto alle persone, a tutti i lavoratori, in particolare a quelli che prestano assistenza a chi ne ha bisogno”. 
 
“Facciamo i nostri auguri per una veloce guarigione alla dottoressa coinvolta in questo grave episodio – concludono Draoli e Pasqualini – e ci auguriamo che questa vicenda inviti a una riflessione concreta su quanto, nella nostra comunità, c’è ancora da cambiare: per promuovere una cultura del rispetto che non sia solo di facciata, ma che si basi su solidi valori condivisi”.

Servizi On Line

banner amministrazione trasparente

banner amministrazione trasparente

PAGAMENTO QUOTA

banner amministrazione trasparente

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

banner responsabilita sanitaria v2

Accesso portale

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

Tesi di Laurea

tesi

BANCA DATI ARS

nuova banca dati final1

Uni Logo

badante

Cerco Offro Lavoro

castorina home

Uni Logo

grosseto si vaccina perché

paroladiinfermieresigla

 PosizionamentiInterventi Progetti OPI GR

infermieri informa OPI

Campagne Mediatiche

hoscelto2024 1