Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

L’infermiere di famiglia è una risorsa, anche per i medici - la replica degli OPI Toscani allo SMI
118 e Infermieri. Inchiesta del Tirreno

marche da bollo 640x342

ALLEGATI:
RICHIESTA CERTIFICATO
DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE
ELENCO PRINCIPALI ESENZIONI

Gentilissimi iscritti, succede che spesso ci chiediate certificazioni di iscrizione e che a volte vi venga detto che non è necessario o che sia necessaria una marca da bollo. Ovviamente stiamo facendo rispettare la normativa di ogni Ente Pubblico.....ma guardiamola insieme nel dettaglio perchè semplicemente, spesso, non c'è bisogno di nessuna certificazione e ci sono dei casi in cui si è esonerati....ed il numero di iscrizione all'albo è visionabile sul sito. 

Quando serve un certificato di iscrizione?

I certificati che vengono rilasciati dalla Pubblica Amministrazione (come l’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Grosseto) in ordine a stati, qualità personali e fatti sono validi esclusivamente nei rapporti privati, in quanto dal 1 gennaio 2012 con l’entrata in vigore della Legge 12/11/2011 n. 183 art. 15, comma 3, non possono essere più richiesti dalle pubbliche amministrazioni o da gestori di pubblici servizi.

I pubblici servizi hanno l'obbligo di acquisire d'ufficio le informazioni oggetto delle dichiarazioni sostitutive e dell'atto di notorietà, nonché tutti i dati e i documenti di interesse, e ad effettuare i dovuti controlli e corrispondenze. Sempre all'art. 15, comma 1, viene sancito che sui certificati deve essere apposta, a pena di nullità, la dicitura: “Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della Pubblica Amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi”.

In pratica una pubblica amministrazione (come la ASL ad esempio) non può chiedere a voi il certificato di iscrizione ma solo una autodichiarazione. Sono le pubbliche amministrazioni che poi dialogono tra loro (in questo esempio noi e la ASL)

Ne consegue che anche il certificato di iscrizione all’Albo tenuto dall’OPI di Grosseto sarà consegnato esclusivamente agli iscritti che lo chiederanno per uso privato. 

E se lo richiede un Privato?

In realtà anche i privati possono limitarsi ad un autocertificazione, ma non sono obbligati. 

Le certificazioni continuano ad essere rilasciate dalla P.A. su richiesta del singolo per fini privati, ma sono assoggettate al pagamento dell'imposta di bollo, pari ad € 16,00 per ciascun certificato ad esclusione degli usi indicati nel Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642 e salvo non sia prevista una specifica ipotesi di esenzione da indicare in modo espresso articolo 3 comma 1, della tariffa – parte prima – allegato A del DPR 642/72 e s.m.i. 

Pertanto la richiesta di un certificato “in carta libera” senza l’indicazione della norma in base alla quale il certificato è esente da bollo non può essere accolta dall’amministrazione senza incorrere nelle sanzioni previste anche per gli operatori di segreteria in solido con il richiedente.

I certificati possono essere rilasciati in esenzione dall’imposta di bollo per i soli casi elencati nel suddetto decreto oppure previsti da altre norme speciali. L’esenzione da bollo è sempre specificata, mai generica. Pertanto ai fini della eventuale esenzione al momento della richiesta dovrà essere dichiarato l'uso che, qualora risulti ammissibile, sarà riportato nella certificazione.

Le relative marche devono essere fornite dal richiedente.

Nulla è dovuto per diritti di segreteria, non vi chiederemo mai nessun onere aggiuntivo ricomprendendo tale attività nella normale attività di segreteria. 

La durata di validità del certificato è di 6 mesi.

Modalità di richiesta del certificato

Il certificato deve essere richiesto e ritirato  dall’interessato previa esibizione di un documento di identità personale valido o tessera di iscrizione all’Albo. Qualora l’interessato sia impossibilitato a provvedere personalmente, può delegare una persona di sua fiducia che dovrà essere munita di un proprio documento di identità, delega in carta semplice e fotocopia del documento di identità del delegante.

Gli iscritti in possesso di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (si ricorda che il decreto legge del 18 Ottobre 2012, convertito con modificazioni dalla legge 17 dicembre 2012 introduce l'obbligo da parte di tutti i professionisti iscritti in albi ed elenchi istituiti con Legge dello Stato, di attivare e comunicare la propria PEC agli Ordini di appartenenza) - mezzo normativamente dotato di valenza legale - potranno richiedere e ricevere certificazioni tramite PEC allegando il modello di richiesta certificato.

Ai fini del rilascio dello stesso si adotteranno le seguenti modalità del pagamento dell’imposta di bollo.

Il richiedente dovrà premunirsi, qualora non prevista l’esenzione, delle apposite marche da bollo da € 16,00 (legge n.71 del 24/6/2013 conversione D.L. 42/2013) che abbiano la data di emissione antecedente o contemporanea a quella del certificato e non successiva.

Nella fase di emissione del certificato saranno richiesti i codici identificativi delle suddette marche (sopra al codice a barre) declinando l'Ordine ogni responsabilità nel denegato caso di mancata applicazione della marca.

In caso di non apposizione della marca da bollo il certificato sarà nullo.

Ma posso chiedere comunque il mio numero di iscrizione all'albo senza chiedere certificazioni?

Ovviamente! Se hai dimenticato il tuo numero e non hai con te la tessere puoi scriverci, chiamarci ma anche consultare il sito. Infatti gli albi territoriali relativi alle singole professioni regolamentate, sono pubblici come previsto dall’ Art. 3 DPR 137/2012, pertanto nel sito è pubblicato l’Albo degli Infermieri iscritti all’OPI di Grosseto aggiornato all’ultima seduta consiliare da consultare in caso di necessità riguardo al numero di iscrizione all’Albo (ultima colonna a destra).

ALLEGATI:

RICHIESTA CERTIFICATO

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE

ELENCO PRINCIPALI ESENZIONI

 

 

Aggressione in PS. Il posizionamento dell'Ordine degli Infermieri di Grosseto

benvenuto Ordine delle professioni infermieristiche

QUANDO GLI INFERMIERI FANNO NOTIZIA

Serve cultura sanitaria. Gli infermieri pronti a fare la loro parte

Editoriale domenicale. Legittimarsi dando per scontato la legittimazione

Apertura cup 2.0 - Dichiarazione a tutela degli operatori infermieristici

Le norme che ancora non descrivono la realtà. La realtà che ancora non segue le norme.

La professione utilizza la tecnologia. La tecnologia non identifica una professione

Editoriale domenicale: Sulla responsabilità professionale e sul futuro ordine

Rettifica articolo \"Il Tirreno\" 25 ottobre 2017

Congresso Regionale ANIMO. Grosseto c\'è!

Infermieri di Grosseto di nuovo protagonisti al Safety & Quality Day

Segnalazione NAS falsa infermiera

Sanità: dieci scelte per farla funzionare

Formazione Aziendale. Dubbi e criticità sui corsi decentrati e gli accessi formativi per gli infermieri operanti in cooperative convenzionate

Quale futuro per l\'informazione infermieristica in Italia? L\'intervento del Presidente IPASVI GR

L\'esperienza maremmana della dialisi vacanze

Legge Gelli/Bianco responsabilità professionale. Una sintesi per i professionisti

Progetto Anagrafe e formazione Badanti/Caregivers

Quando il sanitario chiede aiuto alla Procura.

Il profilo compie 23 anni ed è come un tetto che a volte non c\'è.

Infermieri, IPASVI e Media. Un dialogo interattivo con il giornalista Enrico Pizzi

Infermieri, libera professione e lavoro.

L\'unica lotta di senso è la lotta per pretendere le migliori persone

Tempo divisa e consegne definito a livello regionale (e un sogno)

La riforma del PS. Luci ed Ombre. Una primissima analisi

Gravissima esternazione di un movimento senese, la reazione IPASVI di Siena e Grosseto

Equo compenso. Le importanti correlazioni che vi sono dietro.

L\'Ordine dei Medici è d\'accordo che il cittadino si auto certifichi una malattia?

Un progetto Lean thinking Asl Sud Est premiato con il bando \"Open\"

IPASVI Grosseto pronto a costituirsi parte civile a tutela dei colleghi (i buoni esempi si seguono)

OSS e Infermieri...un rapporto normato!

Le osservazioni alla bozza del Codice Deontologico degli infermieri grossetani

Un Consiglio Nazionale ricco di posizionamenti: Vaccinazioni, Violenza sugli operatori, Ordini subito

L'identità degli infermieri e dell'infermieristica

P.IVA e Cooperative....quali strategie e ipotesi di miglioramento. Le azioni e i propositi del Collegio IPASVI di GR

Esperienze di simulazione. Un articolo della collega Rita Malacarne

Riforma ordinistica. La partecipazione e il ricambio imposto per legge?

Questione Infermieristica in Toscana (Raccolta di tutti gli interventi sulle problematiche professionali regionali - Infermiere di famiglia e comunità, Emergenza Urgenza, Competenze, Precariato)

Richiesta chiarimenti e rettifica titolo "fuorviante"

Quasi decisioni. La zona grigia dell'infermiere

Buona festa degli infermieri a tutti noi

Infermieri. L'indagine censis ci descrive....

Primo maggio 2017....che la nostra voce diventi una.

Pratiche inappropriate. L'incredulità dall'abitudine

Sulle pianificazione, le diagnosi, gli interventi, gli esiti infermieristici.

Ministero della Salute: Attenzione alla diffusione di foto e video!

Prescrizione infermieristica. Professionisti più che professioni

Istituita la commissione POCT. bene i propositi deliberati

Riorganizzazione 118. Chiediamo un tavolo congiunto Ordini e Collegi

Tutelare noi stessi

Speciale Collegio IPASVI "Il Tirreno"

Il Collegio IPASVI incontra le scuole

Cittadinanzattiva, un rapporto che consolideremo sempre di più

Disomogeneità Aziendali

POCT. Ribadiamo la nostra posizione

118. Professionalità in pericolo?

Aspettare non è un emergenza

METROPOLIS

Una sintesi degli incontri nei P.O. sul codice deontologico

L'intervista del Presidente Nicola Draoli a spazio9

Libera Professione. L'esperto ha risposto!

Lo sfogo di un collega. "non sappiamo più cosa siamo e non lo vogliamo sapere"

Demansionamento. Perché forse bisogna fare un distinguo e perché non può riguardare l'atto se contempla la persona. Ne parliamo insieme?

Somministrazione farmaci a scuola. Infermieri non pervenuti

Comunicato stampa su riorganizzazione 118

Infermieri "operai"? Apriamo un canale anonimo per le segnalazioni

Codice Deontologico: Il Collegio IPASVI incontra gli iscritti nei presidi ospedalieri

Quanti infermieri siamo in Provincia di Grosseto?

Ti preghiamo di leggere attentamente le informazioni di seguito riportate, che si applicano dal momento in cui avviene la raccolta dei tuoi dati ed ogni qualvolta tu decida di utilizzare i nostri servizi.

 

Leggi tutto: Privacy Policy e Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo...

banner amministrazione trasparente

Immagine_Attenzione

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

banner responsabilita sanitaria v2

Accesso portale

logo innovare per migliorarsi

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

castorina home

Pratiche Inappropriate

slow medicine

Tesi di Laurea

tesi

Network Bibliotecario SSR

FB IMG 1523555340835

Anagrafe e Formazione "Badanti"

badante

Uni Logo

infermieri informa OPI

Campagne Mediatiche

Garantire la tua salute