Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

insiemeIl lavoro di un consiglio direttivo di un ordine o collegio risente spesso di un'incomprensione che si fonda sulla confusione dei ruoli tra sindacato e ente ordinistico. Vediamo in una sintesi sicuramente incompleta, ma speriamo interessante,  le finalità dei due organismi.

L’ente ordinistico ha due finalità precise:

La prima è la tutela del cittadino/utente che ha il diritto, sancito dalla Costituzione, di ricevere prestazioni sanitarie da personale qualificato, in possesso di uno specifico titolo abilitante, senza pendenze rilevanti con la giustizia ecc.....

La seconda finalità è rivolta agli infermieri iscritti all’Albo che il Collegio è tenuto a tutelare nella loro professionalità, esercitando il potere disciplinare, contrastando l’abusivismo, vigilando sul rispetto del Codice deontologico favorendo la crescita culturale degli iscritti, garantendo l’informazione e la formazione, offrendo servizi di supporto per un corretto esercizio professionale

Il sindacato, invece, ha il preciso ruolo di esercitare il potere e le competenze contrattuali nel mondo del lavoro, vigilando la rispettosa applicazione  del contratto che, per altro, sottoscrive e applica a livello nazionale e nelle sue trattative decentrate. Il Sindacato ha un canale privilegiato, previsto per legge, attraverso il quale  comunica e tratta con i datori di lavoro ai tavoli individuati esprimendo parere favorevole o contrario (ovviamente con integrazioni e modifiche)  a tutto ciò che è concernente l’organizzazione del lavoro e la sua parte economica. Il non rispetto delle trattative aziendali da parte del datore di lavoro è perseguibile legalmente come comportamento antisindacale.

Come vedete la prima sostanziale differenza, che non viene spesso colta, è che il Collegio esercita come mission principale un’azione a tutela del cittadino garantendo che chi si proclama infermiere lo sia veramente, che abbia perseguito il giusto percorso di studiche non abbia riportato condanne penali o azioni disciplinari etc

Ad esempio il Collegio è presente con dei commissari all’esame di stato abilitante alla professione ed esercita il dovere di riunire un apposita commissione per il riconoscimento della lingua italiana e delle normative nazionalirispettivamente per i cittadini stranieri comunitari e non comunitari.

Il Sindacato si rivolge esclusivamente  alla tutela del lavoratore. Nel nostro caso professionale, per le finalità utilitaristiche dell’infermiere nei confronti della salute del cittadino, indirettamente il sindacato promuove anche un servizio nei confronti dell’utenza (un lavoratore infermiere sereno riconosciuto e tutelato nei suoi diritti offre un' assistenza più serena e di qualità).  Spesso i problemi di una categoria professionale si intrecciano e si risolvono con azioni che dovrebbero essere congiunte per ottenere il miglior risultato ma certo un collegio non può entrare in merito alle azioni di un sindacato e viceversa.

Specifichiamo alcuni aspetti che spesso ci vengono sollevati impropriamente sotto forma di quesito.

La parte economica e tutto ciò che ne consegue  - straordinari, scatti di fascia, posizioni organizzative, è materia contrattuale e quindi esclusivamente sindacale.

Il Collegio cercando di promuovere l’immagine dell’infermiere nell’opinione pubblica e nei contesti politici ovviamente può influenzare gli stessi contesti oltre a supportare le richieste di un adeguamento contrattuale da parte dei sindacati ma certo non può andare a contrattare e parlare di aspetti contrattualicon nessuno.  La domanda che spesso viene posta “cosa fa il Collegio per il trattamento economico”, non può che risolversi in un “niente direttamente perché, sic et simpliciter, non può. Indirettamente invece opera a favore della questione ogni singola volta che promuove nei contesti specifici, politici e cittadini, l’immagine dell’infermiere”. Non possiamo esprimerci sul fatto che sia giusto pagare con prestazioni aggiuntive o meno un infermiere che garantisce un servizio oltre i tempi contrattuali o con prestazioni al di fuori delle proprie assegnazionima possiamo dire la nostra sulla necessità che sia riconosciuta formalmente una competenza avanzata o una specializzazione inbfermieristica con criteri di qualità in tutte le fasi di processo.

Poniamo la questione dei Bandi interni, esterni e concorsi.

Un Collegio può  intervenire per chiedere alle Aziende percorsi di selezioni trasparenti, rispettosi della professionalità e delle competenze nei suoi criteri valutativi, può discutere sullo “skill mix” professionale, obiettare e lottare per avere un numero di infermieri adeguato alla casistica epidemiologica. le nostre campagne di promozione “senza infermieri non c’è salute”, "Infermieri Informa", E altre iniziative singole, mirano proprio ad evidenziare la necessità di adeguare quantitativamente il personale infermieristico in tutti gli ambiti (non solo nel settore pubblico). Poniamo i frequenti casi di infermieri che vengono trasferiti in altri contesti per motivi organizzativi. La questione è di carattere organizzativo e rigidamente normata ed è quindi il sindacato ad intervenire nei limiti di ciò che è legale e ciò che non lo è. Nel mezzo il Collegio si appella nel mantenere le competenze maturate da un professionista chiedendo comunque che sia garantito un percorso formativo di adeguamento in materia di competenze, formazione ed esperienza per la tutela e la sicurezza del professionista ma anche  dell’utenza e del cittadino.

Il sindacato discute di dotazioni organiche, il Collegio di fabbisogno infermieristico e rapporto infermiere/utente sulla base delle evidenze scientifiche che indagano la complessità assistenziale.

Nessun tavolo di discussione è obbligatorio con il Collegio anche se intelligenza e buon senso  vuole che ogni azienda pubblica o privata che sia coinvolga e ascolti i vari “stakeholders” cioè tutti quei soggetti che a vario titolo hanno voce in capitolo di politica socio sanitaria.

Il Sindacato può invocare un comportamento antisindacale fino a procedere verso lo stato di agitazione del personale e quindi lo sciopero. Il collegio non può invocare alcunché ma solo pressare politicamente e mediaticamente un percorso che ritiene infondato e sbagliato. Ovviamente può organizzare una manifestazione ma che non ha le tutele e la forza legale dello sciopero.  Certamente su delibere che ledono la professione ricorre per vie legali.

Alcuni esempi pratici:

  1. Abbiamo avuto segnalazioni di un bando che ha applicato un contratto apparentemente illegittimo. La questione, passata attraverso il nostro legale, è stata evidenziata ma comunque girata agli organi sindacali. Ciò non toglie che si possa unire le forze.
  2. La riorganizzazione delle centrali operative del 118 non poteva prevedere una posizione del Collegio, ma certo abbiamo ricorso al TAR per la delibera che definiva i parametri professionali secondo noi inadeguatamente e non facendo partecipare al tavolo decisionale la figura professionale propria del nostro ordine.
  3. Segnalazioni di una pubblicità lesiva nei confronti dell’immagine professionale e su quella interveniamo noi e non il sindacato.

In sostanza Il sindacato agisce su quelle che sono le norme che regolano il lavoro chiedendone il rispetto. Il collegio agisce sulle questioni  squisitamente professionali con il grande strumento del codice deontologico che possono sembrare la stessa cosa ma sono  settori radicalmente diversi anche se intrecciati.

Il Collegio ha dalla sua il potere disciplinare nei confronti dell’iscritto che può portare fino alla radiazione dall’albo, potere che invece non ha il sindacato.

Ci sono poi una serie di azioni sicuramente comuni. Pensiamo ad esempio alle varie convenzioni, ai corsi di formazione ECM, alle iniziative congressuali. Se per il sindacato sono tutte azioni aggiuntive ai servizi di base benché etiche, per un Collegio sono sicuramente azioni più “doverose”.

C’è poi una larga sezione che andrebbe dedicata ai liberi professionisti, ambito dove il Collegio ha ovviamente quasi tutti gli inserti rispetto al sindacato. La libera professione è un settore che, ad oggi, richiede anche da parte nostra un maggior impegno in analisi ed interventi  nonché competenze più elevate per trattare la materia. Speriamo di colmare questo gap nel prossimo triennio, se rieletti, individuano i giusti colleghi.

Speriamo di essere stati utili e sintetici

Nicola Draoli e Edgardo Norgini

Servizi On Line

banner amministrazione trasparente

banner amministrazione trasparente

PAGAMENTO QUOTA

banner amministrazione trasparente

Comitato Asilo Nido Aziendale

PEC

 

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

banner responsabilita sanitaria v2

Accesso portale

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

Tesi di Laurea

tesi

BANCA DATI ARS

nuova banca dati final1

Uni Logo

badante

Cerco Offro Lavoro

castorina home

Uni Logo

grosseto si vaccina perché

paroladiinfermieresigla

 PosizionamentiInterventi Progetti OPI GR

infermieri informa OPI

Campagne Mediatiche

hoscelto2024 1