Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

waitingisnotanemergencyTratto dalla pagina facebook di medbunker del Dott Di Grazia:

Chi lavora in pronto soccorso lo sa. Molte volte tra "dentro" e "fuori" si respira un'aria diversa. Chi è dentro sta lavorando e non certo con qualcosa di piacevole.
In un pronto soccorso arrivano persone sofferenti, a volte in fin di vita, altre volte con condizioni che richiedono attenzione altissima. Spesso la vita di chi è dentro è appesa ad un filo mentre fuori, altre volte, ci sono molte persone con disturbi lievi o non gravi.
Un servizio sanitario australiano ha organizzato una campagna molto interessante: "lascia che curi".
"Aspettare non è un'emergenza". 
[...] La regola è che verrà curato prima chi ne ha più bisogno ma non tutti lo capiscono. [...]
 
Si deve però analizzare anche il punto di vista di chi è fuori, di chi ha un disturbo lieve e che, spaventato o agitato, si arrabbia perché "aspetta troppo".
Non è raro assistere a crisi nervose, urla, addirittura aggressioni.
Come si può perdere la pazienza solo per aver aspettato (anche ore...) in un luogo dove accadono eventi drammatici? [...] Per questo serve educazione e spero che, prima o poi, anche in Italia si educhi in questo senso.
 

banner amministrazione trasparente

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

Accesso portale

logo innovare per migliorarsi

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

castorina home

Pratiche Inappropriate

slow medicine

Tesi di Laurea

tesi

Network Bibliotecario SSR

FB IMG 1523555340835

Anagrafe e Formazione "Badanti"

badante

infermieri informa OPI

Senzainfermieripiedino1