Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

bebeUna notizia quella che vi raccontiamo che potremmo affrontare gonfiando il petto di orgoglio (e non siamo ipocriti....chiaramente vi è tanto orgoglio professionale) ma che vi portiamo a conoscenza ribadendo un concetto tanto banale ma tanto vero. In molti ambiti, ma soprattutto in quello dell'emergenza urgenza, non è importante chi fa cosa ma che abbia le competenze per farlo. Un lavoro di equipe dove questo assunto, per una volta portato all'onore della cronaca, continua a rivelarsi vero e vincente. Il nostro apprezzamento a Jenny quindi, ai volontari, al servizio del 118, all'area materno infantile, all'agenzia della Formazione e potremmo continuare per ore....un servizio funziona quando investe sulla qualità dei suoi operatori riconoscendo e valorizzando le competenze rendendole operative ed applicabili. Nicola Draoli

Seguono stralci dalla cronaca del Tirreno odierno:

 È successo a Ribolla.Di nuovo un parto in casa dopo tanti anni. Casuale e bellissimo. All'alba di giovedì il piccolino, figlio quintogenito di una coppia di stranieri, è venuto alla luce e ha pianto per la prima volta nella camera dei suoi genitori, mentre i soccorritori stavano preparando la mamma per la corsa in sala-parto, a Grosseto. 
Un parto lampo quello della giovane donna asiatica. Alle 4.30 c'è stata la richiesta di intervento del 118 alla Misericordia, che ha sede a Roccastrada. Pochi minuti dopo alle 5.30 il piccolo era già nato.
«Quando siamo arrivati - raccontano i soccoritori - la donna era pronta, poi vedendo la testa del bambino praticamente fuori,l'infermiera Jenny Giannini ha valutato le sue condizioni e ha deciso di procedere. Ci sono voluti dieci minuti, sono comparse le spalle, la pancia i piedi. Il cordone ombelicale in clinica viene tagliato quasi immediatamente. Qui abbiamo aspettato che fosse il cordone stesso a indicare il taglio, che va fatto quando la placenta è diventata inutile. Poi il primovagito... abbiamo visto che stava bene" 
 A Grosseto, nel reparto di Patologia neonatale hanno confermato che le sue condizioni di salute sono buone. Sì, perché l'equipaggio dell'ambulanza della Misericordia di Roccastrada, una volta portato a termine il parto, ha accompagnato madre e figlio in ospedale, per sottoponi a tutti i controlli del caso e ai due giorni di degenza post parturn, da prassi. Il lavoro congiunto di infermiera e volontari - come ha poi confermato il medico - è stato impeccabile. Tutti i tre componenti hanno messo in pratica il protocolloe le manovre di questo eccezionale "soccorso" imparate (in teoria) durante le tante lezioni - organizzate in collaborazione con l'Asl 9 - alle quali hanno preso parte anche negli ultimi mesi.

Servizi On Line

banner amministrazione trasparente

banner amministrazione trasparente

PAGAMENTO QUOTA

banner amministrazione trasparente

Comitato Asilo Nido Aziendale

PEC

 

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

banner responsabilita sanitaria v2

Accesso portale

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

Tesi di Laurea

tesi

BANCA DATI ARS

nuova banca dati final1

Uni Logo

badante

Cerco Offro Lavoro

castorina home

Uni Logo

grosseto si vaccina perché

paroladiinfermieresigla

 PosizionamentiInterventi Progetti OPI GR

infermieri informa OPI

Campagne Mediatiche

hoscelto2024 1