Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

omologazioneDi seguito la posizione su quanto in oggetto inviata all'Azienda USL Toscana Sud Est

"Giungono a questi Ordini segnalazioni in merito al rischio di confusione dei ruoli che potrebbe generare le divise del personale in formazione di foggia e colore  indifferenziate sia per infermieri che per OSS che per qualunque altra figura sanitaria o tecnica.
Siamo consapevoli che l'uso corretto del cartellino di riconoscimento nonché l'impegno, che noi per primi chiediamo ai colleghi, per implementare la relazione con l'utenza e fondare l'assistenza su una conoscenza reciproca, sono elementi fondanti la riconoscibilità del ruolo e della funzione.
Tuttavia la nostra professione risente di uno stereotipo culturale ed iconografico molto difficile da eradicare, secondo cui vale il principio "se non è un medico è un infermiere" e su cui ci stiamo spendendo molto in percorsi diversi e traversali per riconoscere e riconoscerci una maggiore identificazione.
Crediamo dunque che potrebbe essere un vantaggio per tutta l'Azienda ed i cittadini quello di poter individuare visivamente le diverse professioni e i diversi attori che operano in Sanità, anche se inserite in un percorso di formazione che comunque prevede acquisizione di skill diverse da completare con obiettivi di tirocinio diversi.
Un impegno per elaborare strategie comunicative in questo senso potrebbe essere  d'esempio e di avanguardia per un problema in realtà molto importante che ingenera sia in positivo (nel riconoscimento professionale) sia in negativo (nelle denunce e negli esposti) confusione.
Al di là dei percorsi e delle motivazioni che hanno portato a scegliere servizi con divise uniche per ruoli diversi, sicuramente tutti ben ragionati, potrebbe essere questa un'occasione per pensare ad un correttivo dell'esistente a partire da una banale strip adesiva da apporre sulla uniforme(tipo modello del 118)
La comunicazione in sanità è importante e spesso facciamo lo sbaglio di giudicarla noi stessi invece di farla giudicare agli assistiti: come non ha senso che un professionista verifichi la segnaletica (perchè comunque sa dove deve andare) non ha senso che un professionista verifichi la riconoscibilità delle divise.
Al contrario questo diventa un valore importante per il nostro assistito  che invece spesso non sa riconoscere un professionista dalla sua divisa e sappiamo bene che a loro per primi dobbiamo dare una risposta e dobbiamo fare il possibile per smorzare equivoci e malintesi."

A firma  dei Presidenti OPI di Grosseto, Siena ed Arezzo.
Dr Nicola Draoli, Dr Michele Aurigi, Dr Giovanni Grasso.

banner amministrazione trasparente

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

Accesso portale

logo innovare per migliorarsi

Logo salviamo SSN sito 200

Questione inf.ca in Toscana

Manifesto OPI Toscana SI e NO

castorina home

Pratiche Inappropriate

slow medicine

Tesi di Laurea

tesi

Network Bibliotecario Sanitario Toscano

FB IMG 1523555340835

Anagrafe e Formazione "Badanti"

badante

infermieri informa OPI

Senzainfermieripiedino1