Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

Di seguito il Comunicato Stampa dell'Ordine delle Professioni Infermieristiche di Grosseto come da oggetto:

to.do .list In questa continua riorganizzazione Aziendale  assistiamo stanchi e preoccupati ad un vorticoso susseguirsi di cambiamenti che ancora non recepisce alcune basilari istanze di rispetto, che abbiamo chiesto e sulle quali eravamo stati rassicurati e che purtroppo, ad oggi, non hanno risposte tangibili . Noi infermieri, già gravati da un mancato o lentissimo ricambio del turnover,  stiamo assicurando il cambiamento organizzativo richiesto, che chiede sempre più impegno con minori risorse sia umane che economiche. Questo riassetto prevede inoltre un rapido ed incessante tour de force formativo e riunioni interne che,  pur nella stanchezza dovuta a turni massacranti e ferie non godibili, viene rispettato. I numerosi incontri si svolgono prevalentemente a Siena ed ancora oggi, nonostante le nostre segnalazioni, l'orario del viaggio non ci viene riconosciuto. Questa situazione non è più sostenibile per noi che lo percepiamo come elemento di mancato rispetto per il faticoso impegno che stiamo dimostrando. Inoltre ai colleghi che smontano dal turno di notte non vengono riconosciute le ore dedicate a formazione e riunioni ed anche qui, l'etica ed il senso di responsabilità fanno sì che gli infermieri comunque continuo a partecipare senza  il riconoscimento dell'impegno orario. Ed ancora, ultimamente il sistema sta creando "referenti" su svariate tematiche, che si ritrovano tali,  dopo qualche ora di formazione in aula e senza essere stati preventivamente informati che sarebbero "usciti" referenti su un percorso. Un lodabile e pregevole tentativo questo dell'Azienda, che a nostro avviso però, sembra  preoccuparsi prioritariamente di garantire l'avvio dei percorsi e della certificazione formativa senza una linea di governo chiara e solida. Siamo certi che il recente bando del comparto che definirà le linee di responsabilità infermieristica aiuti a ritrovare rotta e chiarezza. Ad oggi, però, si stanno sommando attribuzioni di responsabilità non concordate, frettolose trasformazioni, implementazioni di nuovi servizi velocissime ed incessanti, senza le risorse umane adeguate e senza nemmeno riconoscere almeno le ore dedicate a tale scopo. Consapevoli dei limiti contrattuali ma certi che basterebbe una visione più elastica, noi infermieri crediamo fermamente nel cambiamento e vogliamo sostenerlo ma con serenità, chiarezza progettuale ed un riconoscimento dell'impegno dato, elementi che ad oggi riscontriamo come decisamente carenti.

Leggilo su:     LA NAZIONE     IL TIRRENO

banner amministrazione trasparente

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

Accesso portale

logo innovare per migliorarsi

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

castorina home

Pratiche Inappropriate

slow medicine

Tesi di Laurea

tesi

Network Bibliotecario SSR

FB IMG 1523555340835

Anagrafe e Formazione "Badanti"

badante

infermieri informa OPI

Senzainfermieripiedino1