Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

Manifesto IPASVI Toscana SI e NO

Adesso vogliamo risposte concrete. #gliinfermieridiconobasta (vedi manifesto)

Facendo seguito all' incontro del 10 Aprile tra i Collegi IPASVI della Regione Toscana e l'Assessore Stefania Saccardi, nel quale è emersa la volontà di affrontare alcuni emergenti temi riguardo la professione infermieristica e che impattano nella qualità dell’assistenza ai cittadini, ecco di seguito i punti che sono stati delineati:

Si evidenzia che tali punti prevedono l’istituzione di specifici tavoli tecnici.

 

 

 

 

                                                                                                                                                           

1) Istituzione della figura dell’Infermiere di famiglia/comunità e definizione del ruolo e delle competenze dell’infermiere dell’Area Emergenza;

Dal tavolo tecnico ci attendiamo la definizione del ruolo professionale, delle competenze, degli ambiti di esercizio nonché le responsabilità correlate al lavoro nell’equipe.

2) Indirizzi Regionali sul dipartimento Infermieristico/Ostetrico

Dal tavolo tecnico i Collegi si attendono la definizione di modelli organizzativi per l’assistenza infermieristica e le attività di supporto uniformi sia in ambiente ospedaliero che in ambito dei servizi territoriali – domiciliari; nello specifico:

I sistemi informativi a sostegno dell’infermieristica;

La definizione dei ruoli professionali e le relative competenze nei PDTA ospedalieri e territoriali (Case manager, Team Leader…)

La pianificazione dell’assistenza infermieristica quale elemento cardine per la presa in carico e le cure multiprofessionali ed interdisciplinari;

Gli standard mix infermieri altri professionisti;

Revisione del ruolo e competenze dell’Infermiere Coordinatore sia in ambito ospedaliero che territoriale;

La definizione di criteri e standard per la misurazione delle performance e degli esiti dell’attività infermieristica.

3) Indirizzi alle Aziende Pubbliche e Private Accreditate per la strutturazione delle convenzioni con l’Università per la gestione delle attività formative (Lauree, master…)

Dal tavolo tecnico i Collegi si aspettano:

Indicatori per la programmazione degli accessi ai corsi di Laurea;

Le sedi per le attività didattiche e gli accreditamenti delle sedi di tirocinio;

La definizione dei ruoli e competenze del Responsabile Professionale del Corso, dei Formatori, del Profilo, dei Tutor Clinici;

La definizione delle Aree Professionali che necessitano di formazione post base (Master e perfezionamenti);

I criteri per le nomine dei docenti.

4) Istituzione sistema rilevazione e certificazione competenze professionali

5) Definizione del ruolo dell’Infermieristica nell’area socio sanitaria e della disabilità

Dal tavolo tecnico i Collegi si aspettano di evidenziare l’evoluzione della complessità e gravità delle persone assistite nell’area socio sanitaria.

Di definire ruolo e competenze nonché gli standard di infermieri nell’area; definire altresì il ruolo del coordinamento delle attività assistenziali.

Definire le reciproche responsabilità mediche ed infermieristiche delle strutture socio sanitarie.

6) Istituzione “scuola manageriale regionale”

Definizione del progetto finalizzato a formare i futuri dirigenti dell’assistenza infermieristica coerenti con il sistema sanitario e socio sanitario della Toscana.

05/05/2017

banner amministrazione trasparente

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

Accesso portale

logo innovare per migliorarsi

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

castorina home

Pratiche Inappropriate

slow medicine

Tesi di Laurea

tesi

Network Bibliotecario SSR

FB IMG 1523555340835

Anagrafe e Formazione "Badanti"

badante

infermieri informa OPI

Senzainfermieripiedino1